Eroi a 300 DPI

Trecento giorni di ritiro in DPI sull'Acropoli di Via Stella. La scoperta delle Curve di Bezier, le campagne per la polis, i brainstorming-simposio. Non si diventa eroi per caso

Nel 2010, sull’Acropoli di Via Stella, un manipolo di ragazzi fu strappato dalle braccia della Dea Gioventù per essere scaraventati in un mondo di brainstorming, cinguettii, brief e campagne per la polis. Da trecento giorni in dpi vennero fuori i migliori creativi che il mondo abbia mai conosciuto.

Marta Vincenzi, Twitter e le primarie di Genova

Marta Vincenzi, novella Ipazia, si sfoga su Twitter dopo la sconfitta alle primarie del centrosinistra per le amministrative di Genova

Marta Vincenzi, che ha perso le primarie del centrosinistra per le elezioni amministrative di Genova e quindi non sarà ricandidata alla guida della città, ha commentato la notizia sul suo account Twitter  attaccando e criticando un po’ tutti. @Sleepingcreep ha ricostruito la storia nel nostro storify.

(continua…)

Manuale di buonsenso in rete

Un testo che raccoglie una serie di post scritti fra il 2010 e il 2011 per spiegare alcuni aspetti “di base” della comunicazione online

Cosa spinge una palestra a fare un sito tutto in Flash (e chiamare se stessa Skip Intro), per lasciarlo poi fisso nel tempo come una lastra di marmo dei propri spogliatoi? E a ovviare all’impossibilità di vedere il sito da iPhone, spendendo ulteriori soldi in una app inutile?
Cosa costringe una catena di elettrodomestici a fare promo sui checkin di Foursquare, salvo poi non avvisare la propria cassiera che colui che chiede lo sconto dovuto non è uno scroccone?
Cosa scatta nella testa di quei commercianti che, dopo essersi fatti vivisezionare dalle tariffe di Groupon, trattano pure male l’incolpevole cliente?
E quell’azienda che ha migliaia di indirizzi, ma non riesce a mandare una newsletter che non vada nello spam, dove ha la testa?
E quei lemming che corrono verso il suicidio utilizzando un profilo privato di Facebook anziché la pagina, come sono riusciti a non leggere i segnali che li scoraggiavano ad andare verso il dirupo?

Dalla prefazione di Gianluca Diegoli alla versione 2012 del Manuale Di Buonsenso In Rete di Alessandra Farabegoli, un testo che raccoglie una serie di post scritti fra il 2010 e il 2011 per spiegare alcuni aspetti “di base” della comunicazione online: cosa distingue un sito utile da uno inutile o dannoso, come farsi trovare, che fare coi social network, come misurare i risultati delle nostre azioni.
L’ebook è scaricabile gratuitamente ed è distribuito in licenza Creative Commons BY-NC-SA.